Slogan Viaggi Nelle Marche



L’area geografica della Provincia di Fermo, situata nelle Marche meridionali, con i suoi 860 kmq, per una popolazione complessiva di 170 mila abitanti, si riconferma come una delle più importanti di tutta la regione, per ciò che riguarda la cultura, l’economia ed il turismo.

Quella di Fermo che accomuna e raggruppa i 40 comuni aderenti, costituisce la quinta provincia della Regione Marche. Il territorio comprende i bacini fluviali dei Fiumi Tenna, Ete ed Aso, una Comunità Montana (dei Colli Sibillini) ed il Gal Fermano Leader. Esso è delimitato a nord dal fiume Chienti ed a sud dal Fiume Aso. Eccezion fatta per le tre valli e l’esigua fascia costiera, il territorio è collinare ed il paesaggio, se pur testimonia dell’industriosa presenza dell’uomo, si presenta ancora sostanzialmente integro ed armonico. L’elemento portante dell’economia è oggi costituito dalla piccola e media industrializzazione a gestione familiare, che primeggia in campo nazionale ed internazionale nella calzatura e nel suo indotto. Il distretto industriale del Fermano è, infatti, il più importante in Italia per la produzione di calzature tanto da far sviluppare, a partire dal secondo dopoguerra, corporazioni di calzolai che hanno sempre avuto un peso notevole, come attestano gli statuti cittadini e quelli delle associazioni di mestiere. Altrettanto importante, l’industria del cappello, che ha avuto inizio tra il Settecento e l’Ottocento con la lavorazione della paglia prevalentemente nei paesi dell’entroterra quali Massa Fermana, Monte Vidon Corrado e Montappone. Oggi, grazie a rinnovati sistemi di produzione e con l’utilizzo di nuovi materiali, la produzione ricopre il 90% del totale nazionale.

Le colture prevalenti sono il grano, la barbabietola da zucchero, la vite, l’ulivo ed i cereali, che a partire dall’antichità a tutt’oggi caratterizzano le produzioni agricole e l’attività prevalente del territorio, raggiungendo livelli di assoluta eccellenza e qualità. Notevole, inoltre, la pesca marittima, con la presenza di un consistente porto turistico-peschereccio situato a Porto San Giorgio, una delle cittadine marinare più note dell’Adriatico - che ha fatto della pesca insieme al turismo - i due principali motori di lavoro. Altre rilevanti attività produttive sono legate ai vari settori della meccanica e meccatronica, dell’agroalimentare, della plastica e del terziario innovativo, dove si sono affermate importanti realtà imprenditoriali.

Indicativo anche il ruolo giocato dal turismo, che si è notevolmente sviluppato in virtù, soprattutto della presenza del fortunato connubio tra attrattive paesaggistiche, artistico- culturali, religiose ed enogastronomiche che caratterizzano in modo assolutamente qualificato il Fermano.