Slogan Viaggi Nelle Marche



Guardando la carta geografica d’Italia si nota che lo Stivale, rigonfiandosi al centro, spinge verso il mare Adriatico un piccolo promontorio, e proprio su questa sporgenza sorge Ancona, parola greca che significa gomito. Il gomito nasce dal monte Conero e si allunga sul mare con una sfilata di rupi, che prendono vari nomi: Trave, Passetto e Gallina. Un territorio dove la cultura dell’ospitalità ha solide radici, dove il sole nasce e tramonta sul mare. Ancona è infatti la sontuosa regina del Medio Adriatico, dinamico porto d’Europa. Città carica di storia, d’arte e di cultura.

Dove antico e moderno convivono in modo mirabile. Palazzi di nobile lignaggio, monumenti dall’intenso fascino, chiese dal “romanico” rintocco testimoniano di un ricco vissuto, di un immaginifico senza tempo. A sovrastare questi territori il Conero che si specchia in un azzurro profondo.

Come tutte le altre località della costa adriatica, Ancona vede levarsi il sole dal mare, ma è la sola che, per effetto del gomito, nella stagione estiva gode anche il tramonto sul mare. Ancona fu fondata dai Greci di Siracusa nel IV sec. a.C. e raggiunse il massimo splendore sotto l’imperatore Traiano (al quale ha dedicato uno splendido arco trionfale). La città ha due caratteri urbanistici distinti: il vecchio centro storico e monumentale è sul Colle Guasco, sulla cui sommità si trovava l’acropoli greca e, oggi, la Cattedrale di S. Ciriaco; la parte moderna a valle si è formata alla fine del settecento. Il porto, già importantissimo nell’antichità, è oggi uno dei primi dell’Adriatico e da pochi anni si è sviluppato un fiorente mercato specializzato nella costruzione di grandi yacht. Ha spiagge per 6 km in alcuni tratti con scogli e in altri con sabbia e ghiaia.

Terra cosmopolita, continua ad essere crocevia di genti e culture diverse, in un connubio di arte, storia, cultura, sport e turismo . Interessante il Parco del Conero dove ,fra la macchia mediterranea ,la ginestra e il corbezzolo brilla di luci e colori. Porta d’Oriente. Origini preistoriche, significativa presenza Picena nell’età del ferro, Ancona è tappa d’obbligo per chi solca l’Adriatico.

Meritata sosta per gli oltre ottocentomila passeggeri in transito per questo approdo di storia e futuro. In questi territori pulsa il cuore delle Marche, di una città regione dai ricchi forzieri e dai tanti tesori. La Basilica di Loreto , Recanati ed il suo Leopardi,Urbino ed il suo Ducato, le grotte di Frasassi, i dolci e verdi declivi dell’entroterra, il blu profondo della costa di Sirolo, Numana e Portonovo. Storia, natura e cultura che si accompagnano all’ingegno ed alla operosità di chi in economia e sul fronte del lavoro ha cercato strade diverse. Piccola imprenditoria presa a modello per la capacità di stare sul mercato in modo duttile, flessibile.